In Liguria una famiglia spende in media 333 euro per la tassa dei rifiuti (+3,2% rispetto al 2018), contro i 300 euro della media italiana, con differenze territoriali molto marcate: la regione più economica è il Trentino Alto Adige, con 190 euro, la più costosa la Campania con 421 euro.

L’indagine sui costi sostenuti dai cittadini per lo smaltimento dei rifiuti in tutti i capoluoghi di provincia prende come riferimento nel 2019 una famiglia tipo composta da 3 persone ed una casa di proprietà di 100 metri quadri.

Catania il capoluogo di provincia più costoso (504 euro e un aumento del 15,9% rispetto al 2018), Potenza il più economico (121 euro e un decremento del 13,7% rispetto al 2018)
Analizzando le tariffe dei 112 capoluoghi di provincia esaminati, sono state riscontrate variazioni in aumento in circa la metà, 51 capoluoghi; tariffe stabili in 27 capoluoghi e in diminuzione in 34. A Matera l’incremento più elevato (+19,1%), a Trapani la diminuzione più consistente (‐16,8%).

In Liguria si passa dai 251 euro della Spezia, dove c’è stata una riduzione dell’8,7% rispetto al 2018, ai 380 euro di Genova. Incremento record ad Imperia, +15,6% con 351 euro, Savona si ferma a 349.

Per quanto riguarda la raccolta differenziata, si va dal 34,2% di Genova (77° posto nazionale) al 62,7% della Spezia (in mezzo Imperia con il 35,7% e Savona con il 43,5%). La media regionale è del 48,8%.

Per quanto riguarda le carte dei servizi, Cittadinanzattiva pubblica solo quella di Savona: quella di Genova viene dichiarata non reperibile, quella di Imperia non esiste, quella della Spezia è in fase di redazione.

Altri confronti si possono fare cliccando qui.

La rilevazione è realizzata nell’ambito del progetto “Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino”, finanziato dal ministero dello Sviluppo economico.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.