Rinnovato il finanziamento regionale per il Pioppo 24 di Genova. A oggi, da dicembre 2018 a settembre 2019, sono state 52 le persone in estrema povertà aiutate dalla struttura.

L’iniziativa era stata attivata alla fine dello scorso anno a Genova in via sperimentale grazie al contributo di 50 mila euro stanziato da Regione Liguria. Il progetto è stato realizzato con la collaborazione del Comune di Genova, del Melograno e della Fondazione Auxilium.

Il Pioppo24 è una la struttura sperimentale di pronto e primo intervento sociale, aperta 24 ore su 24, con disponibilità di 17 posti letto per l’accoglienza di uomini e donne senza fissa dimora in stato di grave deterioramento sociale o sanitario.

«Lo stanziamento dello scorso anno – dichiara l’assessore regionale alle Politiche sociali Sonia Viale –  ha consentito di dare una risposta efficace alle reali difficoltà del Comune di Genova nel far fronte a situazioni critiche. Con le risorse stanziate lo scorso anno, e confermate quest’anno, abbiamo trovato, con il prezioso supporto degli enti del terzo settore, una soluzione a una problematica che gravava anche sul sistema sanitario, garantendo da un lato la funzione propria dei pronto soccorso come luoghi deputati alle emergenze sanitarie e, dall’altro, una soluzione agli effettivi bisogni di accoglienza delle persone senza fissa dimora, evitando però gli accessi impropri negli ospedali».

Delle 52 persone accolte, 13 sono donne e 39 uomini. Per quanto riguarda le fasce d’età, 3 persone sono sotto i 29 anni, 16 fra i 30 e i 50 anni, 21 tra i 50 e i 65 anni e 12 sopra i 66 anni. Inoltre 34 sono italiane, 11 extracomunitarie e 7 europee.

Nel periodo in esame, le persone dimesse sono state 38. In 6 casi le persone sono tornate a vivere per strada, altre 6 sono andate a vivere in una casa, 2 persone sono state accolte in strutture sociosanitarie, 10 affidate ad altre strutture della rete, prime accoglienze o Basilico. Altre persone hanno accettato il passaggio alla seconda accoglienza e una persona ha trovato un lavoro con contratto a tempo indeterminato.

La giunta ha dato il via libera inoltre allo stanziamento e alla liquidazione di 850 mila euro a favore delle Conferenze dei sindaci delle Asl liguri per le spese sostenute nel 2017.

Di questi fondi: 250 mila euro vengono ripartiti tra i Comuni di Sanremo (89.016 euro), Savona (97.218 euro), Chiavari (20.215 euro) e La Spezia (43.551 euro), mentre 600 mila euro costituiscono il contributo riconosciuto al Comune di Genova, con l’indicazione specifica a proseguire il progetto di pronto e primo intervento sociale avviato lo scorso anno (nel 2018 il contributo era stato di 550 mila euro a cui si aggiungevano 50 mila euro destinati specificamente all’iniziativa sperimentale).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.