Il primo freddo può giustificare, finalmente, prime colazioni un po’ più robuste di cappuccino e striscia di focaccia, o brioche. Potremmo addirittura recuperare un piatto che nell’entroterra del genovesato, in particolare nelle valli Scrivia e Polcevera, era usuale al mattino: uova e mostardella. L’equivalente dell’anglosassone uova e bacon come calorie, grassi ecc … ma più buono.

Prima di procedere chiariamo: che cosa è la mostardella (foto di apertura da cabannina.it). In pratica, un salume fatto in buona misura insaccando tagli di carne suina e bovina scartata dalle lavorazioni di maggior pregio: nervetti, pezzi di polpa filacciosa rimasta attaccata alle ossa, e grasso. Un salume un tempo poco costoso, piuttosto duro ma molto gustoso, che i contadini mettevano a riscaldare, tagliato a fette, sul coperchio della stufa, bagnandolo con qualche goccia di vino bianco. Il calore scioglieva in parte il grasso e allentava i nervetti, rendendo le fette di mostardella più morbide e, anche con l’aiuto del vino, più saporite. Le uova venivano fritte e poi aggiunte al salume. Il tutto doveva essere accompagnato dal pane e da qualche bicchiere di vino.

La mostardella, tagliata a pezzetti, era anche impiegata nei sughi, al posto o a rinforzo della carne, e nelle minestre di verdura.

Oggi la mostardella, che nel 2006 ha ottenuto la De.Co, si produce ancora a Vobbia e a Santo’Olcese (in entrambi i paesi è protagonista di una sagra, rispettivamente in ottobre e in aprile) e a Genova si può trovare in commercio, anche se non facilmente. All’esterno assomiglia a un cacciatorino, all’interno si presenta di colore rosso scuro, con parti di grasso bianco ben visibili. È composta da carni suine e bovine (non più di scarto) crude   in parti uguali, con l’aggiunta di un 30% di grasso suino, insaporita con aglio, sale, pepe, e sottoposta a leggera affumicatura e breve stagionatura.

dav

Per gustare il nostro salume con le uova lo tagliamo a fette piuttosto spesse che mettiamo a riscaldare sulla piastra o in una padella di ferro o di alluminio appena unta d’olio. Versiamo anche noi qualche goccia di vino bianco sulle fette, lo lasciamo evaporare e la mostardella è pronta. Non resta che friggere le uova in tegamino e aggiungerle alle fette di mostardella. Il tutto si accompagna bene con del pane tostato.

Pochi di noi, ormai, bevono vino alla prima colazione ma del resto uova e mostardella vanno benissimo anche a pranzo o a cena. E allora, con quale vino accompagnarle? Con un Valpolcevera rosso.

Placet experiri!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.