Il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella è in visita a Genova. In prefettura è stato ricevuto dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e dal sindaco di Genova Marco Bucci con i quali si è intrattenuto per discutere della situazione relativa allo stato di emergenza e ai vari problemi del territorio.

«Al presidente Mattarella – spiega Toti – abbiamo rappresentato i danni provocati dalla straordinaria ondata di maltempo che si è abbattuta sulla nostra regione e insieme la richiesta che abbiamo inoltrato al governo in termini di risorse e di poteri di protezione civile per operare rapidamente, oltre all’emergenza aggiuntiva creata dalla chiusura della A26 e dalla riapertura parziale e dall’incertezza che questo proietta sul sistema dei trasporti della Liguria. Il presidente ha condiviso il fatto che l’ondata di maltempo è stata eccezionale e che servono misure straordinarie e veloci per affrontare i danni avuti dalla popolazione e dalle imprese oltre a ribadire che l’incertezza sulla sicurezza delle nostre autostrade deve essere chiarita nel più breve tempo possibile. Ci ha assicurato, infine, la sua attenzione e il suo intervento se qualcosa non andasse come deve, nei tempi e nei modi corretti».

Oltre al maltempo, Mattarella ha parlato con Bucci del nuovo viadotto autostradale sulla val Polcevera, del trasporto pubblico locale e della Gronda.

«Abbiamo parlato del ponte – commenta Bucci – e delle persone che sono state assunte in tempo determinato affinché possano prolungare il loro incarico almeno per altri sei mesi in cui confidiamo di poterli poi confermare. Si è parlato anche del trasporto pubblico locale, dell’investimento che abbiamo chiesto e di poter accelerare i risultati del bando che ancora non ci sono pervenuti e di cui ancora non sappiamo nulla; in ogni caso abbiamo chiesto comunque di aiutarci a trovare gli interlocutori adatti per poter avere gli investimenti per metropolitane in superficie e i bus elettrici. Ci siamo soffermati anche sulla Gronda, la nostra tangenziale di città, che ci servirebbe per risollevare tutto il traffico merci e consentire quindi di avere una città a livello delle altre città europee. Il presidente ha risposto entro venti giorni sapremo qualcosa».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.