Sono 109.770 le figure specializzate richieste in Liguria, di cui 46.320 in lavori di carattere artigianale o nei servizi, 30.760 nel digitale e 27.500 nell’economia del mare.

È quanto emerge dai dati dell’indagine Excelsior presentati oggi a Orientamenti 2019 a Genova al convegno “Il lavoro in Liguria guardando al Dopodomani”.

Saper fare
46.320 le figure richieste in Liguria, su un totale di 109.770, nelle attività, perlopiù di carattere artigianale (falegname, idraulico, installatore, maestro d’ascia…) che necessitano di una formazione professionale specifica e che stanno scomparendo. Le figure più richieste sono legate al turismo (camerieri, cuochi e baristi) ma quelle più difficili da trovare sono nell’industria manifatturiera e nelle costruzioni (operai, attrezzisti, riparatori di auto, meccanici, idraulici, installatori).

Blue economy
27.500 le figure richieste dalle imprese dell’economia del mare, comparto in cui la Liguria è al primo posto in Italia per incidenza delle imprese blue rispetto al totale (9,4%). Rientrano in questa categoria la pesca e la relativa industria di trasformazione alimentare, la cantieristica, le strutture ricettive e i servizi del turismo costiero, il trasporto marittimo e le estrazioni terrestri e marine. Anche in questo caso le figure più richieste sono legate al turismo sulle riviere (mancano ben 14.250 camerieri e 610 bagnini) ma le più difficili da trovare sono nella cantieristica (mancano 420  fra montatori, riparatori e attrezzisti navali) e nel trasporto via mare (600 fra marinai e operai).

Impresa 4.0
30.760 sono i contratti che le imprese liguri intendono stipulare nell’area della trasformazione digitale e di impresa 4.0, ricercando figure capaci di utilizzare il digitale e le tecnologie innovative 4.0, trasversali ai diversi settori e con diversi gradi di competenza in campo matematico-informatico, digitale e tecnologico. Le figure più difficili da trovare sono quelle con un alto grado di capacità digitali, come gli analisti e progettisti di software. Da notare che in questa parte dell’analisi è stato necessario introdurre nuove figure e aggiornarne altre, come il cyber security architect, il big data specialist, l’IoTengineer o l’artificial intelligence systemengineer.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.