Il gruppo Iren ha chiuso i primi 9 mesi del 2019 con ricavi consolidati a 3.190 milioni di euro in incremento del 13%, grazie prevalentemente al contributo derivante dalla maggior vendita e produzione di energia elettrica oltre che all’ampliamento del perimetro di consolidamento.

Il margine operativo lordo (ebitda) è pari a a 675 milioni di euro (-4,4% rispetto a 706 milioni di euro al 30 settembre 2018). Escludendo gli elementi positivi non ricorrenti dello scorso anno pari a 87 milioni (60 milioni di certificati energetici e 27 milioni di certificati verdi idroelettrici), l’ebitda al 30 settembre 2018 sarebbe stato pari a 619 milioni, con conseguente crescita di circa 56 milioni.

Il risultato operativo (ebit) è pari a 344 milioni di euro (-16,1% rispetto a 410 milioni di euro al 30 settembre 2018). Escludendo gli elementi non ricorrenti dello scorso anno la crescita sarebbe stata pari 21 milioni. L’utile netto di gruppo è pari a 191 milioni di euro (-18,2% rispetto a 234 milioni di euro al 30 settembre 2018). Escludendo gli elementi non ricorrenti dello scorso anno la crescita sarebbe stata pari a circa 20 milioni.

In miglioramento tutte le linee di business, con la sola eccezione della vendita di gas per la quale si sono registrati margini in flessione per effetto di una contrazione dei volumi venduti correlata a una stagione termica invernale non favorevole.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.