«L’atteggiamento del governo su ArcelorMittal è totalmente irresponsabile. Il governo si divide sulla tassazione sulle bottigliette di plastica e si dimentica di 15 mila lavoratori tra diretti e indotto. Il lavoro non è considerato centrale nell’agenda politica del governo che ha giocato su un contratto, e il conseguente accordo sindacale firmato solo un anno fa, smontandolo subito dopo a scapito dei lavoratori».

È quanto scrive in una nota Bruno Manganaro, segretario generale di Fiom Cgil Genova a proposito del recesso di ArcelorMittal dalla gestione di Ilva.

«A questo punto – avverte Manganaro – non si può più giocare e deve essere il governo a risolvere la questione garantendo posti di lavoro e stesso reddito a tutti i lavoratori coinvolti.  È giunto il momento in cui il governo si assuma le proprie responsabilità e decida una volta per tutte se considera la siderurgia strategica per il Paese».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.