È partito l’iter per la certificazione di Ceriale a Bandiera Blu 2020: questa mattina a Roma, nella sala conferenze del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si è svolto l’incontro annuale organizzato dalla Fee (Fondazione per l’Educazione Ambientale) con i Comuni Bandiera Blu e gli amministratori locali.

Per l’amministrazione di Ceriale era presente l’assessore comunale Eugenio Maineri, che ha visionato tutta la documentazione richiesta per la procedura.

Dunque è partita la fase iniziale, con alcune novità nei criteri di assegnazione, ovvero il coinvolgimento di tutto il territorio come “stile di vita”, che deve relazionarsi a qualità delle acque, gestione ambientale, servizi e sicurezza dei litorali.

«Tutti temi sui quali Ceriale ha investito molto e continuerà a farlo per un turismo sostenibile: non dimentichiamo che abbiamo effettuato interventi per l’accesso alle spiagge delle persone diversamente abili, con più parcheggi sul lungomare, per esempio, e nuovi servizi sensoriali di aiuto per la piena fruizione del nostro litorale», afferma Maineri.

«La nostra mission è quella di un turismo di qualità e nel segno dell’ambiente, accessibile a tutti, senza contare che punteremo ancora di più sull’educazione e l’informazione rivolta a cittadini e ospiti, con iniziative anche nelle scuole. Naturalmente da parte del nostro Comune è massimo l’impegno a conservare questo ambitissimo vessillo, che rappresenta un biglietto da visita importante e decisivo per il nostro territorio e per gli operatori turistici», aggiunge l’assessore.

Durante l’incontro è stato presentato il Questionario 2020, mentre tutta la documentazione prevista dovrà essere consegnata, su supporto digitale, alla Fee Italia, entro il 18 dicembre 2019.

«Sicuramente per quella data saremo pronti e Ceriale avrà così tutte le carte in regola per avere ancora la sua meritata Bandiera Blu, per il quinto anno consecutivo», conclude l’assessore Maineri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.