Incontro questa mattina a Genova presso la sede della Carena, la storica impresa di costruzioni che ha dichiarato fallimento nei giorni scorsi.

Durante il confronto col curatore fallimentare da parte delle organizzazioni sindacali nazionali e liguri è stata chiesta la cassa integrazione straordinaria per tutti i 42 dipendenti a lavello nazionale, e 19 di questi (tra impiegati e operai) operavano a Genova.

«Il curatore fallimentare – spiega Andrea Tafaria, segretario generale Filca Cisl Liguria – si attiverà subito presso il ministero dello Sviluppo economico per richiedere la cassa integrazione straordinaria per cessazione d’attività. Inoltre ha spiegato che nei prossimi giorni sarà risolto il contratto tra Autostrade e Carena per il nodo di San Benigno. Chiederemo la clausola sociale affinchè i lavoratori, circa una decina, che hanno operato nel cantiere vengano assunti dall’azienda che subentrerà nell’appalto».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.