Le borse europee chiudono in ribasso, fa eccezione Milano, sostenuta dai titoli della galassia Agnelli. Parigi segna -0,62%, Francoforte -0,34%, Londra -1,12%. Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All-Share a 24.670,06 punti (+0,23%) Ftse Mib a 22.693,77 punti ( +0,21%). Poco variato lo spread Btp/Bund, attestato sui 134 punti base (variazione -0,77%, rendimento Btp 10 anni +0,93%, rendimento Bund 10 anni -0,41%) da 135 pb della chiusura precedente.

A Piazza Affari ancora protagonista l’auto, con Fca +8,22% ed Exor +5,69%, in seguito all’annuncio delle trattative con Peugeot, che in Francia perde più del 12%, poiché secondo gli analisti, se i termini dell’accordo saranno confermati, gli azionisti di Fca avranno maggiori vantaggi.

Sul Forex l’euro resta sopra quota 1,11 dollari e vale 1,1148 (1,1161 in avvio e 1,112 ieri), mentre contro yen vale 120,485 (121,20 all’apertura e 121,09 ieri). Il dollaro/yen è a 108,05. Cala il prezzo del petrolio dopo che l’attività manifatturiera in Cina è scesa ai minimi in otto mesi: il future dicembre sul Wti cala dell’1,6% a 54,18 dollari al barile, mentre l’analoga consegna sul Brent si attesta a 60,22 dollari (+0,64%). Spread in leggero ribasso a 142 punti, dai 145 di ieri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.