Le Borse europee chiudono positive, spinte dall’imminente via libera alla prima fase dell’accordo commerciale Usa-Cina.

Sale Francoforte (+0,37%) così come Parigi (+0,15%). Londra invece resta debole (+0,09%) in attesa del voto del Parlamento inglese sulla proposta del premier Johnson di andare alle elezioni a metà dicembre.

Tra le migliori, Milano chiude con il Ftse Mib a +0,38% (Ftse Italia All-Share finale 24.676,88, +0,37%) spinta dal comparto industriale, in particolare da quelli più esposti all’export come Pirelli (+4,2%) e St (+2,2%); vola anche Salvatore Ferragamo, che balza del 4,2% sfruttando l’effetto Tiffany. Qualche realizzo su Moncler (-1,8%) dopo la fiammata di venerdì, deboli anche le utility ed Eni, che cede lo 0,7%.

A Piazza Affari tra le migliori ci sono Finecobank (+2,4%), Prysmian (+2%) e Tenaris (+1,5%) oltre a Ferrari (+1,3%).

I cambi: euro in calo a 1,109 dollari a due giorni dalla decisione della Federal Reserve che dovrebbe tagliare ulteriormente i tassi di interesse Usa; la divisa unica vale inoltre 120,94 yen mentre il cross dollaro/yen si attesta a 109.

Il petrolio è in calo dell’1% con il Wti a 56 dollari al barile. Infine lo spread Btp/Bund chiude in lieve rialzo a 143 punti base dopo la sconfitta elettorale subita dalla maggioranza in Umbria.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.