L’assessore ai Trasporti Gianni Berrino si dice soddisfatto della trattativa sul contratto di servizio di Trenitalia, «condotta molto bene e chiusa ancora meglio nell’interesse dei cittadini liguri».

Berrino risponde al consigliere regionale del Pd Giovanni Lunardon, che aveva espresso le stesse perplessità dei pendolari liguri (qui l’articolo): «il contratto – dice Berrino – “prevede espressamente” modifiche e integrazioni ai canali di vendita, è vero, e il perché è intuitivo: non si può pensare che in 15 anni i metodi di acquisto rimangano sempre gli stessi. Ma non “prevede espressamente” la chiusura delle biglietterie: non c’è scritto e non è una conseguenza necessaria. L’efficientamento dei costi relativi alla rete di vendita e il potenziamento dei canali alternativi possono essere realizzati in molti modi diversi, ma quello che è certo è che il contratto di servizio non contempla un automatismo sulla chiusura delle biglietterie».

Berrino ricorda anche che sul potenziamento dei canali alternativi di vendita è attiva anche Regione Liguria con un progetto sperimentale di bigliettazione elettronica, che entrerà in servizio dopo che Liguria Digitale avrà affidato la gara rimasta bloccata per un ricorso all’autorità giudiziaria.

Il consiglio regionale ha votato degli ordini del giorno proprio su questi temi: “Anch’io concordo con gli ordini del giorno – aggiunge Berrino – mi saranno utili, perché forte dell’appoggio di tutto il consiglio potrò rappresentare meglio a Trenitalia l’utilità del mantenimento delle biglietterie».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.