È stato approvato dalla giunta regionale della Liguria il progetto di Puc del Comune di Rapallo: va a sostituire il vecchio piano regolatore del 1986, ormai inadeguato per lo sviluppo cittadino.

«Oggi abbiamo concluso un lungo e complesso iter che dota finalmente Rapallo di uno strumento moderno e aggiornato per poter progettare il proprio futuro − ha commentato l’assessore regionale all’urbanistica Marco Scajola − Si tratta di un Puc che valorizza il rapporto con il mare, dal punto di vista paesaggistico, ambientale e architettonico, che comprende la difesa del suolo con i Piani di Bacino e che limita gli interventi edilizi nelle aree di pregio. Era un atto molto atteso dal territorio e che siamo riusciti a sbloccare dopo anni grazie anche alla proficua collaborazione con il Comune di Rapallo».

Fra le altre linee di sviluppo del progetto, la valorizzazione del territorio agricolo con interventi per il recupero degli uliveti, la realizzazione del percorso pedonale di collegamento costiero con Santa Margherita Ligure, la strada parco e la riqualificazione del centro storico. Individuate anche le aree di maggior degrado dove autorizzare interventi di riqualificazione con demolizione e conseguente riconoscimento di credito edilizio.

Il progetto preliminare di Puc era stato adottato nel 2005 e approvato dalla Regione l’anno successivo, tuttavia le profonde modiche degli scenari normativi statali e regionali hanno obbligato ad adeguare il progetto, ripresentato quindi nel 2018. Tra il dicembre 2018 e il marzo 2019 Regione ha formulato osservazioni sia dal punto di vista della Valutazione Ambientale Strategica sia per gli aspetti urbanistici, che una volta accolte hanno permesso l’approvazione odierna.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.