La Società italiana di fisica, nella giornata della Cerimonia Inaugurale del 105esimo Congresso Nazionale che si è svolta al Gran Sasso Science Institute, ha assegnato ad Alberto Diaspro, direttore della linea di ricerca di Nanoscopia e del Nikon Imaging Center di Iit, il Premio per la Comunicazione Scientifica.

Il riconoscimento è destinato a uno dei soci che negli ultimi cinque anni abbia effettuato o promosso un’importante attività di diffusione e comunicazione della cultura scientifica. La motivazione: “Per il notevole impegno su vari fronti della comunicazione scientifica, in particolare per la sua attività di pubblicista su importanti quotidiani e di autorevole organizzatore del Festival della Scienza di Genova”.

«Credo sia importante, per dirla con Gramsci (Q11 p.37) – ha dichiarato Alberto Diaspro – esporre alle persone di ogni età e formazione culturale quello che la ricerca scientifica può offrire, cioè trattare del rapporto tra uomo e realtà con la mediazione della tecnologia  È importante perché si impara molto dalle interazioni con le persone. È importante perché è un modo concreto di condurre la guerra alla dilagante ignoranza e soprattutto a chi se ne compiace. Questo riconoscimento per me ha un valore speciale venendo dalla comunità dei fisici».

Nato a Genova nel 1959, Diaspro si laurea in ingegneria elettronica all’Università di Genova nel 1983. Oggi è direttore della linea di ricerca di Nanoscopia e del Nikon Imaging Center dell’Istituto Italiano di Tecnologia oltre che professore ordinario di Fisica applicata al Dipartimento di Fisica dell’Università di Genova e Accademico dell’Accademia Ligure di Scienze e Lettere. Attivo in progetti di ricerca europei, ha più di 400 articoli con 12 mila citazioni su riviste scientifiche internazionali. Il suo team di ricerca è tra i leader mondiali nel campo della microscopia ottica avanzata.

La carriera scientifica di Diaspro si intreccia con la missione della divulgazione scientifica che lo vede impegnato con diversi ruoli (curatore, relatore o scrittore divulgativo) in numerose iniziative locali e nazionali. Tra le più recenti: i seminari con la partecipazione di scienziati internazionali svolti a Palazzo Ducale per la serie “Scienza condivisa”, la mostra fotografica “Pop Microscopy” esposta negli Stai Uniti e ora al Museo di Storia Naturale A. Doria a Genova dove gli ingrandimenti di immagini al microscopio diventano vere e proprie opere d’arte, la recente partecipazione al Festival della Comunicazione di Camogli 2019, la rubrica intitolata “Scienza” ogni lunedì su La Repubblica Genova e il prossimo Festival della Scienza di Genova di cui è Presidente del Consiglio Scientifico dal 2016. Nel 2014 è stato insignito, unico italiano, dell’Emily M. Gray Award in riconoscimento ai “significativi contributi all’educazione in biofisica”.

La Società italiana di fisica ha lo scopo di promuovere, favorire e tutelare lo studio e il progresso della fisica in Italia. Per promuovere la diffusione delle conoscenze di Fisica e la crescita della cultura scientifica del Paese, la Società Italiana di Fisica – Sif bandisce ogni anno il Premio per la Comunicazione Scientifica. Per il Congresso Sif, uno dei più antichi nel panorama scientifico italiano, sono confluiti nel capoluogo abruzzese 600 fisici da tutta Italia, protagonisti di esperimenti alle frontiere della fisica. È il caso delle ricerche che hanno portato alla scoperta del Bosone di Higgs e alla rivelazione delle onde gravitazionali.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.