Un’esperienza di alternanza scuola-lavoro, ma anche un modo per mettersi alla prova ed estendere le proprie competenze interagendo con il pubblico e fornendo assistenza ai passeggeri in arrivo e in partenza dall’Aeroporto di Genova: saranno 250 gli studenti impegnati nel progetto promosso dal Cristoforo Colombo, un’iniziativa che prenderà il via il 1° giugno e proseguirà fino al 30 settembre. Montale, Mazzini, Vittorio Emanuele e Rosselli le scuole superiori di Genova che hanno risposto all’invito dell’aeroporto aderendo al progetto.

A rendere riconoscibili i ragazzi ci saranno magliette e gilet con la scritta “Serve aiuto? Chiedi a me! / Need help? Ask me”. Un modo per fornire immediata assistenza ai viaggiatori, residenti in partenza o turisti in arrivo, che avessero necessità di informazioni o aiuto nel disbrigo delle pratiche aeroportuali. Per prepararsi a questa esperienza, e in particolare per imparare a conoscere al meglio luoghi e servizi offerti all’interno del terminal, gli studenti hanno affrontato un corso sulle procedure operative del “Cristoforo Colombo”, per un totale di due giornate di approfondimento. Martedì scorso si è svolta la sessione conclusiva del percorso formativo che ha consentito ai giovani di ottenere il tesserino aeroportuale, necessario per operare all’interno del terminal.

«Penso si tratterà di una bellissima esperienza, che consentirà a questi ragazzi di scoprire il dietro le quinte dell’aeroporto e di relazionarsi ai passeggeri, operando sempre a stretto contatto con i lavoratori del “Cristoforo Colombo” − commenta Piero Righi, direttore generale dell’Aeroporto di Genova − Per gli studenti sarà anche un modo per mettersi alla prova con le lingue straniere, considerando che i passeggeri provenienti dall’estero sono sempre di più. Siamo certi che questa esperienza rappresenterà per i ragazzi un bagaglio importante sia a livello umano sia nell’ottica di una futura ricerca di lavoro».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.