La Borsa di Milano ha aperto in ribasso anche se poco variata, con il Ftse Mib a quota 20.348 punti (-0,07%), poi però incrementa le perdite. Tra i titoli in evidenza Juventus (+0,41%) e Telecom Italia (+0,39%), in calo i bancari a partire da Unicredit (-2,18%).

Gli indici europei sono positivi in apertura. Londra guadagna circa lo 0,2% nel primo giorno di contrattazioni dopo il voto Ue, Parigi +0,13% e Francoforte +0,24%.

Nei mercati asiatici Tokyo ha concluso a +0,37%. Gli occhi degli investitori sono puntati sul consiglio europeo, con la prima riunione a Bruxelles dei capi di Stato e di governo dopo il voto. Tra i dati macro, attesa per la fiducia dei consumatori in Ue e negli Usa.

Il petrolio è in rialzo a 58,95 dollari per il barile Wti mentre il Brent cede lo 0,36% a 69,86 dollari.

Nei cambi cala leggermente l’euro nei confronti del dollaro, che passa di mano a 1,117 (-0,13%). L’euro yen scende a 122,22 (-0,27%).

Lo spread tra Btp e Bund si allarga ancora e apre a 285 punti base, al top da febbraio, dopo aver chiuso a 280 ieri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.