Scatta la procedura di Cassa integrazione per i 1.027 dipendenti di Piaggio Aerospace: l’utilizzo della Cigs, che dovrebbe partire dal 1 maggio, potrebbe essere inferiore a seconda dei diversi carichi di lavoro. Lo conferma Alessandro Vella, segretario generale Fim Cisl Liguria, al termine dell’incontro tra i sindacati e il commissario straordinario di Piaggio Aerospace Vincenzo Nicastro nella sede dell’Unione industriali di Savona.

Il commissario ha riferito che la misura si rende necessaria vista la mancanza di commesse e la situazione finanziaria: la restituzione dell’Iva non è ancora avvenuta e le risorse finanziarie, allo stato attuale, ci sarebbero solo per gli stipendi di aprile. «La cassa − spiega Nicastro in una nota aziendale − avrà auspicabilmente un impatto decisamente contenuto. Si tratta di uno strumento tecnico a supporto della continuità produttiva il cui utilizzo sarà legato all’andamento degli ordini che ci auspichiamo tornino a crescere nel prossimo futuro».

Sul tavolo, proprio le incertezza sui tempi degli investimenti, in particolare sul P180, a proposito del quale il ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha confermato l’interesse proprio questa mattina (ne abbiamo parlato qui), e dei finanziamenti per la certificazione del drone P1HH e le conseguenze sull’attività.

«Se in questi giorni non dovesse arrivare la convocazione di un incontro dal governo − annuncia Vella − Lunedì 8 aprile organizzeremo una mobilitazione a Genova». Molto probabile dunque lo sciopero con presidio sotto la prefettura di Genova.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.