Dei fondi destinati a Piaggio Aerospace – salvo ulteriori rinvii – si dovrebbe parlare oggi pomeriggio, in commissione Bilancio della Camera, come si legge sul sito istituzionale: “Schema di decreto ministeriale di approvazione del programma pluriennale di A/R n. SMD 04/2017, relativo all’acquisizione, comprensiva del relativo sostegno logistico, di aeromobili a pilotaggio remoto della categoria Male (Medium Altitude Long Endurance) e potenziamento delle capacità di Intelligence, Surveillance and Reconaissance della Difesa”.

La decisione in capo alla commissione è necessaria per sbloccare il finanziamento dei 250 milioni per la certificazione e l’acquisto di quattro sistemi P1HH, “senza il quale − precisava in una nota la Fim Cisl Liguria − il rischio della cassa integrazione per i lavoratori è sempre più vicino”. 1.117 i dipendenti Piaggio Aerospace impiegati nelle sedi di Sestri Ponente e Villanova d’Albenga.

Dopo diversi rinvii della riunione della commissione Difesa, le segreterie provinciali Fim, Fiom e Uilm venerdì scorso avevano proclamato lo sciopero del personale della sede di Villanova d’Albenga per mercoledì 3 aprile. Protesta e presidio sono stati decisi in concomitanza con l’incontro – confermato il 3 aprile alle 11 – nella sede dell’Unione industriali di Savona con il commissario straordinario di Piaggio Vincenzo Nicastro. Alla manifestazione di protesta si è poi unita anche la sede di Genova, con presidio dalle 10,30.

Lo sciopero resta confermato, ma la Uilm ha poi precisato che non vi prenderà parte: “Vogliamo prima capire cosa esce dall’incontro con il commissario – si legge in una nota – Se le notizie saranno negative, metteremo in campo tutte le azioni di protesta necessarie perché i soggetti che hanno in mano questa partita, in primis il governo, si prendano le loro responsabilità per uscire da questa situazione”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.