La Borsa di Milano ha aperto sostanzialmente piatta, con il primo Ftse Mib a 21.721 punti (+0,01%), ma poi viene trascinata in rosso dalle vendite. In discesa Saipem (-3,06%) e Tenaris (-2,75%), ancora in calo Juventus (-1,94%). Acquisti su Azimut Holding (+0,68%).

Avvio di seduta debole per le Borse europee. Sui listini si ripercuote il poco entusiasmo degli investitori per gli esiti della stagione delle trimestrali.
Invariate Londra (+0,09%) e Francoforte (+0,02%) mentre è in lieve rialzo Parigi (+0,2%).

Nei mercati asiatici chiusura in calo con i timori degli investitori sul rallentamento della crescita globale. In rosso Tokyo (-0,2%), che resterà chiusa per i prossimi 10 giorni, a causa dell’abdicazione dell’Imperatore Akihito e l’ascensione al trono del principe della corona Naruhito.

Sul fronte macroeconomico in arrivo i dati sul Pil del primo trimestre degli Stati Uniti e la fiducia dei consumatori in Usa e Francia.

Dopo la crescita delle ultime sedute torna a scendere il prezzo del petrolio con i contratti sul greggio Wti con scadenza a giugno che cedono 38 centesimi a 64,83 dollari al barile. In calo anche le quotazioni del Brent che cedono 21 centesimi a 74,14 dollari al barile.

Nei cambi avvio in rialzo per l’euro sui mercati. La moneta unica europea viene scambiata a 1,1139 dollari (1,1133 alla chiusura di Wall Street di ieri). Nei confronti dello yen la moneta unica passa di mano a 124,89.

Lo spread ha aperto stabile sui valori della vigilia apre a 270 punti base sugli stessi livelli del finale di ieri.Fermo anche il rendimento del BTp decennale benchmark, indicato in avvio al 2,69%, stesso valore del closing di ieri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.