Due milioni e 600mila euro per realizzare una serie di interventi contro il dissesto idrogeologico in Liguria. Si tratta di fondi derivanti da vecchie ordinanze di protezione civile che saranno destinati a interventi di sistemazione del territorio a seguito degli eventi alluvionali del novembre 2014.

Risorse residue per effettuare interventi di protezione civile nei Comuni di: Ceranesi, Campomorone, Mignanego, San Colombano Certenoli.

Grazie alla grande collaborazione instaurata con il Dipartimento di Protezione Civile nazionale – spiega l’assessore regionale alla Protezione civile e alla difesa del suolo Giacomo Giampedrone – siamo riusciti a non perdere queste importanti risorse che erano state stanziate, ma non utilizzate In questo modo non buttiamo via nemmeno un euro e sistemiamo il territorio, sanando ferite che risalivano alle emergenze del 2014».

In particolare, nel Comune di Ceranesi è previsto un intervento di regimazione delle acque e realizzazione di opere di ingegneria naturalistica sul versante di frana in località Cian de Mia e il consolidamento della sede stradale in via Villa Lidia; nel Comune di Campomorone è previsto un intervento di consolidamento della sede stradale lungo via Madonna delle Vigne e via Brenia e il consolidamento e ripristino di via San Giuseppe; nel Comune di Mignanego verrà realizzato un intervento di demolizione e adeguamento della passerella in quota, opere di difesa spondale lungo la statale di Giovi e un’opera di contenimento laterale in località Ponte dell’Acqua, nel Comune di San Colombano Certenoli è previsto l’adeguamento della sezione di deflusso di tutto il tratto canalizzato dalla piazza San Colombano fino alla foce del torrente Lavagna.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.