Chiusura in deciso ribasso per le Borse europee, che scontano le nuove difficoltà della Brexit, con il rinvio del voto sul trattato al Parlamento britannico. I listini hanno risentito anche delle incertezze relative al negoziato Usa-Cina dopo l’arresto di Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawei e responsabile finanziario del colosso cinese, e di alcuni segnali di indebolimento dell’economia globale: il Giappone ha rivisto la contrazione del pil del terzo trimestre (-0,6% e non -0,3%) e in Cina le esportazioni a novembre sono scese sul mese precedente del 12,6%.

Il Dax di di Francoforte segna-1,54%, il Cac 40 di Parigi -1,47%, il Ftse 100 di Londra -0,71%.

Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All-Share a 20.238,12 punti (-1,75%) e Ftse Mib a 18.410,13 punti (-1,77%). In contrazione lo spread BtP Italia/Bund a 10 anni, attestato su 286 punti base (288 pb venerdì sera).

A Piazza Affari nessun rialzo sul Mib, tra i ribassi spiccano Mediaset (-4,92% a causa del downgrade deciso da Jp Morgan da neutral a underweight con target price abbassato da 3,10 a 2 euro), Moncler (-4,86% dopo che Goldman Sachs ha tagliato le stime di crescita e di utili del comparto del lusso per il biennio 2019-2020), Saipem (-4,58% in scia al calo del greggio), Buzzi Unicem (-3,55%).

Sterlina in calo a 1,254 dollari e 0,906 euro.

Fra le materie prime calano le quotazioni del petrolio, con Wti e Brent rispettivamente a 51,6 e 60,8 dollari al barile, nonostante l’accordo dell’Opec sui tagli alla produzione. Oro sui 1.245 dollari l’oncia.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.