Su oltre un milione e 102 mila assunzioni programmate dalle imprese a livello nazionale, in Liguria ne sono previste 25.700 (il 2,3% del totale), di cui a Genova 14.830 (in aumento del 4,4%), a Imperia 3.030 (+5,6%), a Savona 4.230 (+3,9%) e a La Spezia 3.610 (+12,1%). Rispetto allo stesso periodo di un anno fa, quando le opportunità di lavoro previste erano 24.370, si registra una crescita complessiva pari al 5,5%.

Questi i risultati del monitoraggio dei fabbisogni occupazionali delle imprese nel periodo
dicembre-febbraio 2019, realizzato da Unioncamere italiana in collaborazione con Anpal.
Nonostante gli indicatori sull’economia ligure non diano ancora evidenti segnali di ripresa, i dati emersi dall’indagine evidenziano, da parte delle imprese, una propensione alla crescita
occupazionale attraverso la ricerca di figure professionali che, nel corso degli anni, tende sempre più a privilegiare competenza, esperienza nei vari settori e disponibilità.

Dall’analisi dei dati si riscontra uno sviluppo più sostenuto della domanda a Imperia e La Spezia: nell’estremo ponente, sul totale delle imprese con dipendenti intervistate, il 19,2% prevede nuove assunzioni e nell’estremo levante la percentuale sale al 19,6%. Leggermente inferiore la propensione a nuove assunzioni in provincia di Genova e Savona, dove per entrambe il 18,5% ha programmato nuove entrate. Nel trimestre in esame, il 78% delle assunzioni programmate sarà assorbito dai servizi, in particolare commercio, che ha registrato un aumento tendenziale della domanda pari al 40,8%, e turismo (+11,7%); rispetto alla classe dimensionale delle imprese, il 65% delle entrate riguarderà quelle con meno di 50 dipendenti.

Entrando nello specifico delle principali figure professionali richieste dalle imprese liguri, al primo posto figurano cuochi e camerieri con 3.850 assunzioni previste (15% sul totale), di cui quasi la metà in provincia di Genova; seguono i commessi e il personale qualificato in esercizi commerciali (2.540 unità), i conduttori di mezzi di trasporto (1.290) e gli addetti non qualificati nei servizi di pulizia (1.080).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.