Apertura di seduta positiva per la Borsa di Milano, con l’indice Ftse Mib che segna +0,25% a 18.649 punti. All Share sul +0,24%. Poco variate le altre principali piazze europee: Parigi guadagna lo 0,03% a 4.939 punti, Francoforte lo 0,07% a 11.146 punti e Londra cede lo 0,03% a 6.957 punti. Sul fronte orientale, la Borsa di Tokyo è chiusa per festività.

Dopo il ridimensionamento di ieri sulla scommessa di una trattativa tra Roma e Bruxelles sulla Manovra, questa mattina lo spread si riduce ancora: il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano (Isin IT0005340929) e il pari scadenza tedesco si attesta a 300 punti base (301,79 alle 9,36) dai 307 della vigilia. Scende anche il rendimento del decennale italiano benchmark, al 3,38% dal 3,44% di ieri.

Ne approfittano i bancari, che spingono il rialzo di piazza Affari: in primis Banco Bpm (+2,59%), salgono anche Intesa (+1,43%), Unicredit (+1,22%) e Mps (+1,99%), mentre Carige non riesce a fare prezzo. Acquisti anche su Ubi Banca (+1,15%), più cauta invece Bper (+0,75%). Per quello che riguarda gli altri principali titoli del listino, positive Mediaset (+0,51%), Enel (+0,45%) e Stm (+0,49%), in calo invece i petroliferi Saipem (-0,67%) ed Eni (-0,15%), con il greggio giù a 53,3 dollari al barile. Cauta Tim (+0,2%).

Petrolio in flessione: il greggio si porta a 62,1 dollari al barile nel contratto gennaio del brent e a 53,4 nella stessa scadenza del Wti. Le valute: euro resta sopra la soglia degli 1,14 dollari (1,1414 da 1,1406).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.