Il consigliere del Comune di Genova delegato al porto, Francesco Maresca, ha dato il via a una serie di incontri con   Università, Confindustria, Spediporto  per affrontare le problematiche portuali in seguito al crollo di Ponte Morandi. Oggi si è tenuto il primo dei tavoli tecnici dedicati alla ricerca di strategie comuni per affrontare il tema dello sviluppo economico città-porto anche in ragione dell’emergenza logistica derivata dal crollo del ponte Morandi.

Francesco Maresca

Hanno partecipato all’incontro Francesco Maresca, Francesco Parola, professore associato del dipartimento di Economia e gestione delle imprese e dei trasporti dell’Università di Genova, Giampaolo Botta, direttore generale di Spediporto, Leopoldo Da Passano, responsabile Sviluppo economico e portualità di Confindustria Genova e Silvia Capurro, direttore responsabile della direzione Porto e mare del Comune di Genova.

«Crediamo che questo – ha sostenuto Francesco Maresca aprendo il dibattito – sia un primo briefing per affrontare in modo concreto temi fondamentali e oggi ancor più cruciali, quali Zes (Zona economica speciale), viabilità portuale con riferimento a nuove strade dedicate e, soprattutto, semplificazione dei processi. Quest’ultimo punto, poi, sarà di grande aiuto per tutta l’economia genovese. Genova è il porto più grande del Mediterraneo e il Comune deve essere parte attiva nelle trattative con il governo».

Per tutelare, ha sottolineato Maresca, le imprese portuali genovesi e i lavoratori, il Comune sente il dovere di creare nuove opportunità al proprio porto, facilitando e promuovendo quelle misure di salvaguardia dei traffici basilari per l’economia cittadina.

Al tavolo il consigliere delegato si è detto consapevole di quanto la comunità portuale necessiti di un ponte sicuro in tempi brevi. Il porto attende inoltre che sia liberata la linea ferroviaria coinvolta nel crollo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.