In leggero aumento il consumo di suolo in Liguria tra 2016 e 2017, ma il trend è il più basso d’Italia. L’ultimo rapporto Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), relativo al 2017, evidenzia un incremento dello 0,05% nella nostra regione, pari a 22 ettari, un dato inferiore a quello registrato nel 2016 (+0,07%, 31 ettari) e in coda alla classifica nazionale: penultima la Valle d’Aosta, con una crescita dello 0,29%, in testa si posiziona il Veneto, con un aumento dello 0,5% (1.134 ettari). In Italia la media si attesta sullo 0,23%, il che equivale a 5.211 ettari di suolo consumato: nel 2017 si raggiungono i 2.306.253 ettari.

Dall’indagine Ispra emerge che tra le province quella che conta un livello di consumo di suolo maggiore è Genova, con 156 km quadrati consumati nel 2017. Segue Savona (125), Imperia (90) e La Spezia (79), per un totale di 450 km quadrati di suolo consumato nel corso dell’anno (l’8,3%).

Se la ripresa del consumo di suolo nel Nord-est e in altre regioni del Nord Italia può essere messa in relazione con la ripresa economica che si avverte in queste aree del Paese (è il caso della Lombardia o della Provincia autonoma di Bolzano), lo stesso non si può dire per la Liguria, dove a fronte di un seppure minimo aumento del consumo di suolo, il Pil risulta in calo dello 0,04%.

Tra 2012 e 2017 in Liguria la maggior parte dei cambiamenti (il 70,6%) sono avvenuti in un contesto a media-bassa densità di suolo pubblico consumato: la seconda percentuale maggiore d’Italia (media 56,6%). Per il 19,6% si tratta di cambiamenti in un contesto agricolo o naturale e il 9,8% in un contesto prevalentemente artificiale.

Guardando il livello di impermeabilizzazione entro i 150 metri dai corpi idrici, il dato resta molto elevato in Liguria (circa il 21% di tale superficie è coperta artificialmente, rispetto a una media del 7,6%). Livelli sopra la media anche in Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige: le caratteristiche orografiche di queste Regioni in prevalenza montuose hanno sicuramente influito sull’urbanizzazione, portando al consumo di vaste aree in prossimità dei corpi idrici che tuttavia possono essere maggiormente esposte a fenomeni di esondazione.

Aumentano gli edifici non utilizzati

In tutte le regioni, il numero degli edifici risulta cresciuto rispetto al 2001, e gli incrementi percentuali più marcati si segnalano in Umbria (+21,4%), Emilia Romagna (+17,9%) e Toscana (+17,5%). Per la maggior parte si tratta di edifici residenziali. Gli edifici non utilizzati, perché cadenti, in rovina o in costruzione, sono quasi il 13% in Valle d’Aosta
e oltre il 9% in Abruzzo e in Calabria. Nel periodo 2001-2011 si è registrata una significativa riduzione nel Friuli (-22,3%) e in Sardegna (-10,6%), e un aumento consistente in Emilia Romagna (quasi il 20% in più rispetto al 2001), in Liguria e nelle Marche. A livello complessivo, il 17% degli edifici non utilizzati rispetto al totale nazionale si trova in Sicilia, il 9,3% in Calabria e l’8,4% in Campania (Istat 2011).

Sopra la media italiana anche le percentuali liguri di consumo di suolo in aree a pericolosità da frana (vale per tutti i livelli, dalla pericolosità molto elevata, 5,2%, a quella moderata, 10,6%). Particolarmente alta in Liguria anche l’incidenza di consumo di suolo in aree a pericolosità idraulica: il 24,8% dove la pericolosità è elevata, 30,2% dove è media (in questo caso si tratta della percentuale più alta d’Italia), 34% dove è bassa.

A conferma dei dati del 2016, tra le regioni con i valori registrati più alti entro i 300 metri dalla linea di costa ci sono proprio la Liguria, insieme alle Marche, con quasi il 50% di suolo consumato (nel caso ligure si tratta del 48,1%). Seguono Abruzzo, Campania, Emilia Romagna e Lazio con valori compresi tra il 30 e il 40%. Tra i 300 e i 1.000 metri l’Ispra segnala Abruzzo, Emilia-Romagna, Campania e ancora una volta Liguria e Marche con valori pari o superiori al 30% di consumato (31% nel caso della nostra regione).

La Liguria non è una regione sismica, ma nonostante questo registra il 4,8% di suolo consumato nelle aree a pericolosità sismica alta, confermando il dato del 2016.

L’analisi sul consumo del suolo in relazione all’altimetria mette in evidenza che in Liguria il 19,1% del suolo è consumato a una quota inferiore ai 300 metri di altitudine. Il 5,4% tra i 300 e i 600 metri e il 2,7 oltre i 600 metri di quota. Spicca il dato sul consumo del suolo in relazione alla pendenza: nella nostra regione il 24,8% di suolo consumato si concentra nelle aree con pendenza inferiore al 10% (12,8% la media nazionale), mentre il 5,9% oltre una pendenza del 10% (3,7% il dato medio italiano). In entrambi i casi si tratta delle percentuali più alte d’Italia.

Clicca qui per consultare il rapporto integrale

Clicca qui per leggere il nostro approfondimento relativo al rapporto sul 2016

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.