Non si placa la polemica sul bando legato alla ristorazione nelle mense scolastiche del Comune di Genova. Dopo il batti e ribatti e l’ultimo incontro, il 19 marzo, con il Coordinamento genitori scuole di Genova, la Rete mense e il Comitato genitori Valbisagno, gli assessori Francesca Fassio (Politiche educative e istruzione) e Pietro Piciocchi (Bilancio) hanno inviato una nota di risposta alla decisione del comitato di rinunciare a proporre delle modifiche.

Si legge nel comunicato congiunto: “compete all’amministrazione – e non ai Vostri Comitati – valutare la sussistenza dei presupposti di legge per l’eventuale introduzione di modifiche al bando di gara e il conseguente slittamento del termine di presentazione delle offerte. Sul punto, pertanto, riteniamo indebita ogni interferenza da parte Vostra, avendo a disposizione all’interno del Comune tutte le competenze e gli strumenti per assumere le più opportune determinazioni”.

E ancora: “In occasione dell’incontro tenutosi in data 19 marzo, avevamo convenuto in un clima costruttivo che i Comitati mense avrebbero trasmesso all’amministrazione un documento unitario contenente il loro contributo congiunto per l’introduzione di eventuali modifiche del bando, ove ritenute ragionevoli e concretamente realizzabili; non comprendiamo la motivazione per cui tale volontà sia ora venuta meno da parte Vostra. Resta inteso che permane la disponibilità ad ascoltare i Vostri suggerimenti nel termine convenuto nel precedente incontro, decorso inutilmente il quale assumeremo comunque in via definitiva le decisioni meglio viste e ritenute. Dispiace, tuttavia, dovere desumere dalla Vostra comunicazione un atteggiamento di pregiudiziale opposizione a qualunque scelta che il Comune assumerà con riferimento all’oggetto e la difficoltà di esprimere una posizione congiunta”.

“Riteniamo corretto – si legge infine nella nota – che non Vi auto-attribuiate un ruolo di rappresentanza generalizzata di tutta la cittadinanza genovese, in quanto i giudizi da Voi espressi, così come i contributi da Voi forniti, riflettono esclusivamente il pensiero degli aderenti ai Vostri Comitati, pensiero e contributi che rispettiamo e siamo disponibili a raccogliere e valutare nelle forme che erano state decise in occasione del precedente incontro”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.