Sindacati e Banca Carige hanno firmato ieri l’accordo per la cessione dell’ information communication technology della banca alla Jfg-Ibm.

L’ intesa, che coinvolge 136 lavoratori, contempla la continuità occupazionale con il mantenimento delle condizioni pregresse; l’adozione del contratto del credito e l’iscrizione all’Abi; la contrattazione di secondo livello vigente sino al 2020; il mantenimento della sede di lavoro a Genova, con garanzie occupazionali, legate al contratto di service della Carige, della durata di 10 anni.

Lo annuncia il segretario responsabile della Uilca Mauro Corte, sottolineando che «eravamo e siamo contrari al principio delle esternalizzazioni, ma comunque abbiamo raggiunto un accordo che salvaguarda l’occupazione e garantisce per i lavoratori che passano alla nuova società di Ibm il contratto del credito e la contrattazione di secondo livello, nonché la sede di lavoro a Genova. Ora – conclude Corte – auspichiamo che sia conclusa la fase delle esternalizzazioni e che l’azienda si concentri sulla corretta attuazione degli accordi firmati col sindacato».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.