Approvata all’unanimità in consiglio regionale della Liguria la variante al piano territoriale di coordinamento a seguito della dismissione delle aree da parte di Piaggio Aerospace.

Dopo anni di attività legata allo stabilimento Piaggio Aero che si è trasferito a Villanova d’Albenga, i vecchi capannoni di proprietà dell’Autorità Portuale e oggi liberi, potranno essere utilizzati anche per altre attività produttive non necessariamente legate all’aeronautica, ma magari connesse al porto, all’hig- tech o al manifatturiero.

«L’attuale disciplina urbanistica non consentiva destinazioni d’uso diverse da quelle aeronautiche – spiega l’assessore regionale all’Urbanistica Marco Scajola – mentre adesso è necessario poter aprire a nuove aziende operanti nel settore industriale e dell’alta tecnologia gli spazi liberati da Piaggio e che, per la maggior parte, sono di proprietà dell’Autorità Portuale di Sistema di Genova-Savona. Da tanto tempo Genova attendeva il cambio di destinazione vista la fame di spazi in città che possono diventare molto appetibili per altre tipologie produttive».

Dopo l’approvazione di oggi, a ottobre verrà siglato l’accordo di pianificazione tra Regione Liguria, Comune di Genova e Autorità Portuale per l’utilizzo concreto delle aree e dei capannoni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.