L’ipertensione arteriosa colpisce, orientativamente, il 40% delle persone in età adulta e raggiunge picchi del 60-70% nei soggetti anziani. Una condizione patologica piuttosto diffusa che fuori controllo è dannosa per tutto l’organismo e in primis per cuore, cervello e reni. L’Iclas di Rapallo (Istituto clinico ligure di alta specialità) ha deciso di affrontarla con uno specifico percorso di diagnosi e cura.

«Sottostimare il problema − spiega Giacomo Deferrari, responsabile del progetto e fondatore della Società italiana di Nefrocardiologia − e non prendersi cura di se stessi in situazioni di pressione arteriosa elevata, equivale a esporsi – con l’andare del tempo – a un rischio molto alto di pericolosi eventi cerebrovascolari, cardiaci e renali in gran parte prevenibili con la normalizzazione della pressione arteriosa. Innanzitutto dobbiamo comprendere i motivi dell’innalzamento pressorio: il 90-95% dei casi sottoposti all’osservazione degli specialisti vengono classificati quali ipertensione essenziale (o primaria): non è possibile risalire a cause certe. Poi vi è una fetta abbastanza consistente di persone, da indagare in modo accurato, la cui ipertensione è correlabile a disfunzioni renali, endocrine, anomalie vascolari. Una volta escluse le origini documentabili, è essenziale valutare lo stato di salute degli organi bersaglio (cuore, vasi e reni in prima istanza) attraverso la diagnostica in grado di fornire notizie sulla situazione cardiaca e in particolare sulla ipertrofia del ventricolo sinistro, renale e delle carotidi».

Test a cui si deve aggiungere, come spiega Deferrari, «la ricerca di tracce di albumina nelle urine. La presenza di piccole quantità di albumina (una proteina plasmatica), oltre a rappresentare il campanello d’allarme di un danno a livello renale è anche predettore di possibili, pesanti incidenti cardiovascolari. Certo, il quadro di riferimento va poi completato grazie a ulteriori semplici esami ematochimici utili a evidenziare eventuali dislipidemie nonché accertare se il paziente soffra già di diabete o altre malattie del metabolismo».

Aggiunge Deferrari: «Quando l’iperteso è dubbio, oppure non risponde appieno alle terapie in corso, la misurazione della pressione arteriosa nell’arco delle 24 ore – mediante holter pressorio che si attiva automaticamente ogni 15 minuti – è di grande aiuto. Non di rado diverse persone si presentano normotese o quasi durante il giorno, mentre di notte la loro pressione non scende quanto dovrebbe, almeno 20 millimetri di mercurio, svelando così gravi forme d’ipertensione arteriosa».

La terapia dell’ipertensione arteriosa non è solo farmacologica: «L’iperteso deve prima di tutto essere trattato sotto il profilo del riequilibrio metabolico. Gli obesi, per esempio, sono candidati a diventare ipertesi (o lo sono già). Da qui la necessità d’intervenire sulla dieta – favorendo la perdita di peso – sulla riduzione delle bevande stimolanti (caffè soprattutto) e del sale; sulla modifica dello stile di vita incentivando la regolare attività fisicaL’approccio non farmacologico è dunque fondamentale. Il ruolo dei farmaci è comunque importante, specie alla luce delle disponibilità di ritrovati oggi estremamente efficaci e ben tollerati».

L’ipertensione arteriosa è una patologia che si eredita? «Non vi è – diciamo così – una genetica obbligata per l’ipertensione arteriosa. Possiamo invece parlare di una “tendenza familiare”. È più probabile che il figlio di un genitore iperteso sviluppi la stessa malattia», conclude Deferrari.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.