Sono stati presentati oggi, alla vigilia della 24esima Giornata Mondiale dell’Alzheimer, i primi due Centri per i disturbi cognitivi e le demenze (Cdcd) attivati dalla Asl 3 negli ospedali Galliera (con sede periferica in via Assarotti) e Padre Antero Micone di Sestri Ponente (con sedi periferiche distrettuali ad Arenzano, Genova-Fiumara e al Gallino di Pontedecimo).

Entro la fine dell’anno sarà attivato il terzo centro nel Levante cittadino all’ospedale policlinico San Martino, mentre entro il 2018 le altre Asl attiveranno i propri Cdcd con le relative sedi periferiche.

I Cdcd, che sostituiranno le attuali Unità di Valutazione Alzheimer (U.V.A.), collaborano in stretto rapporto con i distretti sociosanitari, erogano in via esclusiva i farmaci specifici per le patologie trattate, garantendo competenze specifiche e orari di apertura adeguati alla richiesta del territorio: vi opera un’equipe multidisciplinare composta da un neurologo, un geriatra, uno psichiatra, uno psicologo specializzato con competenze neuropsicologiche, oltre a un operatore delle professioni sanitarie con funzione di case manager. «Questo percorso – spiega l’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale – è in linea con il Piano sociosanitario triennale approvato dalla giunta e di cui l’integrazione tra ospedale e territorio è un tassello essenziale, con l’implementazione dell’attività ambulatoriale e territoriale e la sperimentazione di nuovi modelli organizzativi per fare in modo che le prestazioni possano essere il più possibile erogate a domicilio, spingendo verso una sanità a chilometro zero che metta al centro la persona».

Inoltre, per aumentare l’integrazione tra ospedale e territorio e potenziare l’assistenza domiciliare in un welfare di comunità, Regione Liguria, tramite Alisa, promuove anche il progetto pilota a livello nazionale delle Comunità amiche delle persone affette da demenze (Dementia Community Friendly), riconosciute dalla Federazione Alzheimer Italia: in Liguria ha aderito per primo il Comune di Recco che proprio oggi riceve il riconoscimento. Già avviato l’iter anche da parte del Comune di Imperia. Le due amministrazioni si sono impegnate, con apposite delibere, a promuovere un processo di cambiamento sociale finalizzato a sconfiggere il pregiudizio e creare comunità consapevoli e capaci di relazionarsi con le persone affette da demenza e con le loro famiglie, facendoli sentire parte integrante della comunità stessa.

La Liguria è la regione più vecchia d’Italia e d’Europa, con il 28% di anziani sopra i 65 anni: la media italiana è del 21,7%. La demenza, malattia del sistema nervoso centrale che può presentarsi sotto diverse forme (la più conosciuta è l’Alzheimer), è oggi in aumento nella popolazione ed è stata definita dall’Organizzazione mondiale della sanità una priorità mondiale di salute pubblica. Si stima che in Italia ci siano oltre un milione di persone affette da demenza: in Liguria le persone prese in carico dal sistema sociosanitario regionale sono oltre 17mila. Gli uomini si ammalano più delle donne e, nel 96% dei casi, le persone colpite hanno più di 65 anni. L’Alzheimer viene definita una malattia cronica, neurodegenerativa e progressiva, che comporta una progressiva perdita delle funzioni cognitive, andando a colpire aree celebrali che controllano la memoria, il pensiero, la parola. Nonostante i numerosi stuti clinici a oggi in corso, le cause non sono ancora note. Il decorso della malattia è variabile e dipende da diversi fattori, mediamente si attesta sui 10-15 anni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.