Una sperimentazione pionieristica in Italia, non priva di difficoltà, ma utile per capire che i modelli e i metodi utilizzati sinora non sono del tutto veritieri nella rappresentazione dello stato delle cose in materia di inquinamento da emissioni delle navi.

I primi risultati sono stati presentati da Arpal nella conferenza di apertura della Genoa Shipping Week. La collaborazione, avviata con la con la Capitaneria di Porto e con i tre armatori di traghetti che operano nel terminal genovese (Tirrenia, Moby, Gnv), ha consentito di misurare i fumi di tre traghetti sia in fase di manovra, sia in entrata sia in uscita, sia a regime. Sotto la lente le emissioni di ossidi di azoto e zolfo.

La discrepanza tra i dati ottenuti applicando il metodo “engine parameter check” (cioè il controllo dei parametri del motore per capire se si sta usando il combustibile giusto per evitare lo sforamento) e il metodo della misura diretta, suggerisce una probabile necessità di revisione della norma di controllo delle emissione degli ossidi, rendendo necessari controlli diretti e periodici.

«Siamo disposti a collaborare – dice Luca Filippasso di Gnv – per contribuire a migliorare il sistema, questa sperimentazione è stata utile anche perché ha consentito di misurare la qualità del combustibile e l’efficacia delle manutenzioni, sarebbe utile inquadrare tutto questo in un contesto normativo».

Giovanni Giustiniano di Moby e Tirrenia, aggiunge: «Siamo sensibili alla questione fumi, consapevoli che alcuni sistemi sono difficilmente applicabili a navi esistenti».

La soluzione sarebbe il passaggio al Gnl, il gas naturale liquefatto, che produrrebbe un crollo vicino al 90% delle emissioni, come dichiara Giampiero Decubellis, general manager di Wärtsilä Italia. L’alternativa sono i catalizzatori, perché i motori tradizionali non possono scendere oltre un certo livello di emissioni, un sistema compatto ma comunque invasivo per un armatore, un investimento notevole.

«Questa esperienza – sottolinea Giovanni Pettorino, comandante del Porto di Genova – ha cominciato a scrivere una pagina di letteratura tecnica che si doveva iniziare a scrivere, mi auguro di poter collaborare ancora con Arpal, ampliando le esperienze, utili per chi lavora su normative».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.