Due bandi di sostegno alle imprese danneggiate dalle alluvioni dello scorso 2016 sono stati approvati dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi.

«Sono due bandi molto attesi dai territori – dice Rixi – e che vanno incontro alle richieste che erano emerse durante gli incontri fatti, subito dopo gli eventi, nelle due province colpite, Imperia e Savona, con le imprese, con le associazioni di categoria e con la Camera di Commercio».

Uno istituisce un fondo a rotazione per prestiti e uno per finanziamenti a fondo perduto: «Contiamo di sostenere le aziende a poter ripartire e ridare liquidità agli imprenditori danneggiati».

Il primo bando, finanziato con 2,85 milioni di euro del Fondo strategico regionale, aprirà il 3 luglio, con scadenza al 31 luglio per la presentazione delle domande. Sono ammissibili le spese, con valore retroattivo, già effettuate e quindi documentate, relative a interventi di rispristino degli immobili, di macchinari, di acquisto scorte, spese per perizie danni ed eventuali trasferimenti di sede aziendale sul territorio regionale. L’agevolazione prevista è quella del prestito agevolato, fino al 100% delle spese sostenute per un massimo di 200 mila euro, fino a esaurimento dei fondi regionali messi a disposizione. Il contributo è cumulabile anche con altre agevolazioni pubbliche concesse.

Il secondo bando, con una dotazione finanziaria di 3 milioni euro di fondi Por Fesr 2014-2020 misura 3.1.1, aprirà il 3 ottobre, consentirà l’erogazione di finanziamenti a fondo perduto per investimenti in macchinari, impianti e sviluppo di processi per la ripresa della produzione.

Domani, giovedì 8 giugno, si terranno due incontri per illustrare le modalità dei bandi: alle 10.30 nella sala riunioni del Frantoio Giromela a Imperia; alle 16 nella sala Soms di via Fratelli Francia 12 a Cairo Montenotte (SV) a cui sarà presente l’assessore Rixi.

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.