Comincia in ribasso la seduta per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib ha aperto in calo dello 0,78% a 21.617 punti e prosegue arrivando a perdere quasi l’1% nei minuti successivi. Solo Yoox Net-A-Porter Group sta guadagnando (+0,72%), a guidare i ribassi Ubi Banca (-2,58%) e Fiat Chrysler Automobiles (-2,27%).

Apertura in calo per le Borse europee, pesano le incertezze politiche che vengono dagli Stati Uniti, dopo il nuovo scandalo che ha colpito il presidente Usa Donald Trump, accusato di aver rivelato informazioni segrete alla Russia e aver tentato di mettere fine a un’inchiesta dell’Fbi.
Londra -0,30%, Parigi -0,56% e Francoforte -0,82%.

Nei mercati asiatici chiusura negativa per la Borsa di Tokyo: yen in aumento sul dollaro e di conseguenza scendono i titoli forti in esportazione. L’indice Nikkei cede lo 0,53%.

Cala il prezzo del petrolio: dopo aver toccato ieri quota 49 dollari, è nuovamente sceso a 48 dollari al barile. Hanno pesato le stime sull’aumento delle scorte Usa che potrebbero vanificare gli sforzi dei paesi Opec e non. Scende anche il Brent (-0,7% a 51,27 dollari).

Nei cambi euro ancora in rialzo sul dollaro sopra 1,11 e ai massimi da sei mesi. La moneta unica si rafforza sul biglietto verde sempre per lo scandalo che ha colpito il presidente Usa Donald Trump. L’euro passa di mano a 1,111 dollari e 124,81 yen.

Avvio stabile per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale segna quota 179 punti, lo stesso livello della chiusura di ieri. il rendimento del decennale italiano è del 2,19%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.