Basta viaggi all’estero. Da qualche tempo il Gaslini è in grado di operare pazienti pediatrici con malformazioni congenite o acquisite della laringe e della trachea grazie all’istituzione e alla formazione del team multidisciplinare delle vie aeree (nella foto) all’interno del dipartimento di Alta intensità di cura e Percorso nascita, diretto da Pietro Tuo.

Attraverso il Team “Trasporto paziente pediatrico critico/Ecmo” il Gaslini è in grado di trasportare pazienti tracheali critici da tutta Italia e anche dall’estero e portarli a Genova.

C’è di più: dal 6 all’8 aprile il Cisef Gaslini ha organizzato all’Acquario di Genova un meeting rivolto proprio agli “Airwat team”, facendo nascere formalmente a Genova, grazie alla sinergia tra Gaslini e Ospedale Bambino Gesù, una nuova rete mondiale. Saranno presenti al meeting Inpat (International network of pediatric airway teams) tutti i maggiori centri al mondo che si occupano di ricostruzione della trachea e alcuni esperti di trapianto di trachea nel bambino: circa 60, provenienti da tutti i continenti, che si legheranno in un network mondiale che permetterà di fare ricerca insieme, di standardizzare e migliorare costantemente e in tempo reale i trattamenti, di indirizzare velocemente i pazienti verso i centri che possano risolvere il loro problema. È la fine dell’epoca in cui ogni centro fa da sé, seguendo il proprio percorso, spesso molto diverso da centro a centro.

Durante il meeting, presieduto dai chirurghi Michele Torre e Sergio Bottero, rispettivamente direttore del team delle vie aeree del Gaslini e del Bambino Gesù, saranno resi noti i dati relativi ad un’indagine conoscitiva multimediale condotta sul territorio nazionale che evidenzierà lo “stato dell’arte” sulla chirurgia laringotracheale pediatrica nel nostro Paese, e saranno presentati alcuni risultati di ricerche cliniche multicentriche, rese possibile proprio grazie alla rete tra i centri.

«Più di duecento persone provenienti dai team di una sessantina di Paesi si incontreranno a Genova – dice Tuo – per definire la creazione di protocolli e di un percorso condiviso nella diagnostica e nelle strategie terapeutiche, basati sulla più ampia discussione possibile e sul confronto di esperienze tra diverse scuole nazionali ed internazionali, prestigiose e di riferimento nel settore, con il coinvolgimento di tutte le figure mediche e chirurgiche che devono contribuire alla costituzione di un Airway Team».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.