Cessione degli npl per 950 milioni di euro  entro fine giugno e avvio delle operazioni necessarie alla costituzione della società veicolo in cui confluiranno i restanti crediti deteriorati. È quanto ha deliberato ieri il cda di Banca Carige.

Il consiglio di amministrazione nella seduta odierna – si legge in una nota stampa emessa da Banca Carige – ha deliberato all’unanimità alcune azioni che danno concreta attuazione alle iniziative strategiche di rafforzamento dei presìdi di bilancio e della qualità degli attivi contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio”.

In particolare, il consiglio “ha approvato la cessione, da concludere in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017, di un portafoglio di crediti non performing di circa 950 milioni, ad un valore almeno in linea con le previsioni di piano, a un veicolo di cartolarizzazione con utilizzo della garanzia dello Stato italiano sulla tranche senior (Gacs)”.

Il consiglio “ha inoltre esaminato le proposte di cinque primarie banche di standing internazionale e ha conferito mandato all’amministratore delegato per la finalizzazione degli incarichi per l’assistenza nell’attività di definitiva strutturazione ed esecuzione delle operazioni di aumento di capitale e di scissione del ramo d’azienda comprensivo del residuo portafoglio di sofferenze”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.