Borse, partenza in ribasso dopo l’attacco Usa in Siria

L'avvio dei mercati finanziari europei, la chiusura in Asia, le quotazioni di petrolio, euro, spread

Borse, partenza in ribasso dopo l’attacco Usa in Siria

La Borsa di Milano apre con il segno meno: il Ftse Mib segna -0,13%, a 20.271 punti. Tra i titoli in evidenza Stmicroelectronics (+1,4%) e Saipem (+1,1%), negativi Recordati (-1,19%) e Unipol (-1,09%).

Borse europee in ribasso il giorno dopo gli attacchi Usa in Siria. Parigi segna il -0,33%, Londra cala dello 0,13%, Francoforte -0,49%.

Borse asiatiche in lieve rialzo. Tokyo ha concluso con l’indice Nikkei a +0,36%, negativa solo Hong Kong a -0,5%.

I mercati oggi guardano anche a dati macro in arrivo dagli Usa come il tasso di disoccupazione e le vendite e scorte all’ingrosso.

Quotazioni del petrolio ai massimi da 4 settimane dopo l’attacco Usa in Siria. I contratti sul greggio Wti con scadenza a maggio crescono di 1,24 dollari, arrivando a 52,94 dollari al barile; il Brent vola sopra i 56 dollari, a
56,08.

Nei cambi euro stabile in avvio dei mercati. La moneta unica è scambiata a 1,0647 euro sul dollaro vicino ai valore di ieri sera a New York e a 117,75
yen.

Lo spread tra Btp decennali e omologhi Bund tedeschi apre stabile a 201 punti, per un rendimento del 2,262%.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here