Il venti di marzo è il termine entro il quale il Pd genovese punta a individuare un candidato unitario per l’elezione del sindaco del capoluogo ligure. È quanto emerge dalla riunione che la direzione provinciale del Pd ha tenuto ieri sera nella sede genovese di via Maragliano.

Intanto la data delle elezioni si avvicina e il trascorrere del tempo rende sempre meno agevole organizzare le primarie. «Ma non è per questo motivo – dichiara a BizJournal Liguria il segretario proviciale Alessandro Terrile – che intendiamo arrivare a una candidatura unitaria. Le primarie, per quanto riguarda gli aspetti organizzativi, si possono ancora fare. Una candidatura unitaria è auspicabile specialmente nella situazione attuale, che si è fatta ancora più complessa rispetto al passato, anche per la fuoriuscita di D’Alema e degli altri dal partito. Inoltre l’avvicinarsi del congresso rischia di trasformare le primarie in una specie di evento precongressuale. Meglio trovare un candidato su cui tutti possano convergere. E meglio trovarlo entro il 20 di marzo, prima che inizi la discussione nei circoli in vista del congresso».

Una convergenza unitaria non è comunque prevedibile a brevissimo termine. Ieri sera, in direzione provinciale, l’ex segretario regionale Giovanni Lunardon e il leader dell’area renziana Pippo Rossetti hanno avuto un acceso confronto. Alle critiche dei renziani sul fatto che la segreteria non ha ancora individuato candidatura, alleanze e programma, Lunardon ha osservato che i renziani, se in disaccordo, avrebbero dovuto ritirarsi dalla segreteria. In effetti, i sondaggi presso i possibili alleati sono stati condotti da Terrile insieme al renziano Michele Malfatti.

I supporter dell’ex segretario nazionale si erano riuniti in via Maragliano prima della direzione provinciale. La loro stessa area è articolata in diverse correnti, da cui stanno emergendo al momento tre candidature, quelle di Manuela Arata, Simone Regazzoni ed Emanuele Piazza. Consapevoli del fatto di non potersi dividere, è prevedibile che i renziani, se chiamati a formulare una loro proposta, alla fine indichino una nome (o un “ticket”).

Una loro candidatura, però, considerati i rapporti di forza, potrebbe delinearsi più che come proposta rivolta a tutto il partito come reazione a a una figura “unitaria” non gradita. I renziani ritengono che Luca Borzani e Gianni Crivello, di cui si è parlato nelle settimane scorse, non intendano candidarsi e siano quindi fuori gioco. Dei nomi emersi finora rimane quello di Mario Tullo: su di lui i seguaci di Renzi promettono rottura. Se il candidato sarà Tullo si andrà alle primarie. Bisogna vedere se Terrile ha altre frecce nella sua faretra. Nei prossimi giorni lo sapremo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.