Dai porti agli interporti, per intercettare la merce dove arriva. È la strategia che ha portato il gruppo Laghezza della Spezia (nato come agente marittimo e spedizioniere navale, ora in grado di offrire la gamma completa di servizi doganali e logistico-portuali) ad aprire due nuove sedi in Emilia, a Bologna Interporto e a Modena Campogalliano. Di recente il gruppo spezzino si era insediato a Piacenza Interporto. Con queste nuove operazioni completa la direttrice emiliana ed è pronto ad affacciarsi sull’Adriatico. «Lo faremo – dichiara a BizJournal Liguria il presidente Alessandro Laghezza – in primavera, aprendo sedi a Venezia, dove abbiamo già un ufficio che però attualmnete si occupa solo di logistica, e ad Ancona. Uffici nostri, con personale nostro, come in tutte le altre sedi, non si tratta di subappalti di lavoro».

Il gruppo Laghezza, primo spedizioniere doganale con spiccate caratteristiche porto-marittime in grado di sbarcare in un grande aeroporto, quello di Milano-Malpensa, presidia già saldamente il Tirreno, con sedi a a Savona-Vado Ligure, Genova, La Spezia, Livorno, Napoli e Salerno.

«Siamo in piena evoluzione – spiega Laghezza – la nostra stregia è quella di proporre i servizi doganali e logistici che tradizionalmente vengono offerti nei porti, anche dove le merci arrivano con i treni, vale a dire negli interporti. Si tratta di una svolta, finora c’è stata una sorta di divisione, nei porti lavoravano gli spedizionieri doganali con specializzazione portuale-marittima, negli interporti operatori locali. Ma del resto gli interporti stanno assumendo una rilevanza crescente, come previsto dal Piano della logistica e della portualità del Governo del 2015».

Nel 2016 il fatturato del gruppo (che consolida l’attività di tutte le business units, ovvero Dogana, Trasporti e Logistica) ha raggiunto i 30 milioni di euro, con un incremento dell’11% rispetto al 2015; il numero di operazioni doganali è cresciuto dell’8% circa rispetto al 2015, raggiungendo quota pari 128.000. Per quanto riguarda i trasporti via camion gestiti, l’ incremento è del 6% rispetto al precedente anno.

Il personale dovrebbe a breve contare oltre 150 unità lavorative occupate, contro le 132 del 2015.

Nell’area della  Spezia, dove è presente il quartier generale, il gruppo guidato da Alessandro Laghezza prevede un ulteriore potenziamento delle attività, anche di riempimento e svuotamento dei container, nelle aree di Santo Stefano Magra.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.