Volano gli stracci nella Conferenza intergovernativa chiamata a disegnare il futuro della storica linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza. La bozza proposta nell’ultima riunione della Cig Alpi del Sud, lo scorso 6 dicembre a Parigi, è ormai poco più che carta straccia. Liti furibonde (in Italia) su un documento considerato addirittura peggiorativo rispetto all’accordo del 1970 che accollava gli oneri di gestione all’Italia. Si alza la voce (in Francia) contro il presidente della Regione Paca Christian Estrosi che vorrebbe disfarsi della “grana” ferroviaria, riducendo il servizio francese da Nizza a Breil per mettere in strada bus sostitutivi fra Breil e Tenda. Si discute infine sul diritto di partecipazione delle Regioni al tavolo delle trattative.

La prima bozza consolidata, quella del 6 dicembre, era il risultato di un’assise da cui Piemonte e Paca erano state escluse per volontà della delegazione francese. La Liguria resta alla finestra: il servizio è gestito attualmente dalla Regione Piemonte e per Genova (vista un po’ come la “Cenerentola” di questa triangolazione transfrontaliera) ci sarà spazio, semmai, nel futuro Gect con finalità di sviluppo e promozione.

Inutile dire che il nuovo appuntamento della Conferenza, inizialmente previsto per domani a Torino dopo la “fumata nera” di Parigi, è saltato. La data fissata per la riapertura del dialogo è quella del 15 marzo, sempre sotto la Mole, dove le due Regioni proveranno a giocare un ruolo all’interno della commissione mista. Nel frattempo il ministro Graziano Delrio dovrà dirimere la controversia scaturita (secondo la ricostruzione del quotidiano La Stampa di Cuneo) da una lettera inviata dal rappresentante unico per la delegazione italiana Roberto Focherini, funzionario del dicastero dei trasporti, che chiede la rimozione del presidente della Cig Alessandro Violi, responsabile della direzione generale per il trasporto e le infrastrutture ferroviarie.

Sullo sfondo c’è anche l’interrogazione della deputata piemontese Fabiana Dadone (M5S): «Il presidente della Cig ha proposto una convenzione peggiorativa e dannosa per lo Stato italiano e che non ha tenuto conto delle posizioni dello stesso rappresentante del governo. A fronte di questa comunicazione ho subito rivolto un’interrogazione al ministro Delrio per chiedergli quali azioni intenda porre in essere per tutelare gli interessi dei territori coinvolti e gli interessi dello stato che rischia di trovarsi a sborsare risorse economiche non dovute a tutto vantaggio della Francia e di Rfi». Un duro “j’accuse”che termina poi con la richiesta di rimuovere anche i rappresentanti di Rfi dalla Commissione intergovernativa. «Tutto questo è conseguenza della decisione del ministero francese – fa sapere il portavoce dell’assessore piemontese Francesco Balocco – che dapprima ha imposto un testo non condiviso, poi ha escluso le Regioni dal tavolo».

Nessun commento invece sui litigi ministeriali, bollati come “questione interna”. I lavori di adeguamento della linea sono iniziati l’anno scorso per la parte che riguarda Rfi e Regione Piemonte. A partire dal prossimo mese di settembre è invece prevista la chiusura totale della tratta internazionale in territorio francese, fino alla primavera del 2018. Sono 29 i milioni stanziati dall’Italia, 15 (ma potrebbero salire fino a 20) quelli messi sul piatto dalla Francia: serviranno per mettere in sicurezza l’infrastruttura e per dotare i convogli di sistemi di controllo marcia treno interoperabili. Non basteranno per innalzare nuovamente il limite di velocità a 80 chilometri orari su tutto il percorso.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.