Chiudono positive le Borse europee, spinte da Wall Street che sale in seguito ai dati sui nuovi occupati di gennaio negli Stati Uniti (+227mila a fronte di attese di +174mila) e l’intenzione di Donald Trump di modificare radicalmente le norme sul settore finanziario. Londra sale dello 0,67% a 7.188,30 punti, Francoforte avanza dello 0,2% a 11.651 punti e Parigi dello 0,65% a 4.825 punti. Milano segna Ftse Italia All-Share a 20.911,02 (+1,13%) e Ftse Mib a19.116,04 (+1,20%), trainata dagli energetici e da Telecom.

Intesa sale del 2,66% accelerando dopo che l’a.d. Messina ha garantito i dividendi per il 2017 anche in caso di operazioni straordinarie con Generali. Unicredit invariata (lunedì il via all’aumento), Bper +2,41%, Banco Bpm +1,66%, Carige +1,55%.

Telecom segna +2,57% nel giorno del cda, Eni +2,61%, Snam +1,50%, Italgas (+1,15%), Terna (+1,25%) Saipem +1,72%.

Ancora in rialzo Ferrari (+2,09%) Fca +0,89%. Bene Canpari (+1,43%) dopo l’acquisizione di Bulldog Gin e Ferragamo (+1,72%), che oggi ha incontrato gli analisti presentando le sue strategie.

Le tensioni tra Stati Uniti e Iran dopo l’ultimo test missilistico di Teheran a fine gennaio hanno portato in rialzo i prezzi del greggio: il Wti sale dello 0,7% a 53,92 dollari al barile favorito peraltro anche da un dollaro ancora debole in area 1,08 per un euro (1,0784 da 1,076 di ieri).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.