La Liguria guadagna posizioni nella 27esima indagine sulla Qualità della vita realizzata dal Sole 24 Ore. L’analisi, che il quotidiano economico-finanziario pubblica ogni anno confrontando la vivibilità nelle province italiane, si basa su un’ampia serie di indicatori, aggiornati al 2015 e al 2016 e articolati in sei settori d’indagine: Affari, lavoro e innovazione; Reddito, risparmi e consumi; Ambiente, servizi e welfare; Demografia, famiglia, integrazione; Giustizia, sicurezza, reati; Cultura, tempo libero e partecipazione.

Aosta si aggiudica il primo posto con 589 punti, subito seguita da Milano (577) e Trento (561). Scorrendo la classifica, la prima provincia ligure che si incontra è Genova, che si piazza al 21esimo posto con 502 punti: il capoluogo guadagna ben 20 posizioni rispetto alla scorsa edizione. A tenere Genova alta in classifica ci pensano soprattutto gli indicatori relativi alle aree Cultura, tempo libero e partecipazione e quelli legati a Reddito, risparmi e consumi, nei quali la città conquista i punteggi più alti e ottiene le migliori posizioni di classifica. Nel dettaglio, è seconda per indice di sportività, 13esima per ingressi agli spettacoli. 15esima per numero di laureati ogni mille giovani tra i 25 e 30 anni (88,6). Tra i più alti d’Italia anche il numero delle domande di brevetti ogni 1000 abitanti tra 1989 e 2016: sono 3,9, 18esimo posto. Occhio anche alle pensioni: Genova si piazza al quinto posto per media mensile (1.012,3 euro). Ottava città per patrimonio immobiliare residenziale pro capite (78.445,2 euro). 12esima per Pil pro capite (28.634,2 euro) e 14esima per depositi bancari pro capite (24.936,5 euro). Spiccano anche il 15esimo posto per la copertura di banda larga e il 14esimo per le spese sociali pro capite dei Comuni per minori e anziani (70,5 euro). Posizioni basse soprattutto per ciò che riguarda truffe, frodi e rapine.

Al 24esimo posto troviamo Savona (499 punti), che risale 9 posizioni dalla precedente classifica. Anche in questo caso, gli indici in cui la città eccelle maggiormente sono quelli legati al tempo libero e alla cultura: seconda per ristoranti, bar e cinema ogni 100 mila abitanti, quarta per librerie ogni 100 mila abitanti. Pesa, in positivo, anche l’ottavo posto per tasso di disoccupazione giovanile (al 22%). Anche Savona, come Genova, è città di inventori: è 25esima per domande di brevetti ogni 1000 abitanti (tra 1989 e 2016, pari a 2,6). Nell’area dedicata al reddito e ai risparmi, i savonesi conquistano la terza posizione per patrimonio immobiliare residenziale pro capite (96.185,7 euro). Guardando all’ambiente e al welfare, spicca il decimo posto per l’indice di Legambiente sull’ecosistema urbano, mentre in ambito demografico, Savona è 34esima per numero di cittadinanze acquisite ogni 100 stranieri (4,3).

Più giù (e sotto il punteggio medio italiano) incontriamo La Spezia che, con 462 punti, è 54esima e guadagna quattro posizioni dalla precedente edizione. I piazzamenti migliori sono quelli che la vedono ottava per numero di sale cinematografiche ogni 100 mila abitanti e decima per numero di bar e ristoranti (ancora una volta, gli indici legati al tempo libero ottengono i punteggi migliori). 21esima per spese sociali pro capite dei Comuni (pari a 58,7 euro) e 22esima per indice Legambiente e copertura di banda larga. In tema di reddito e risparmi, 22esima anche per patrimonio immobiliare residenziale pro capite (63.347,6 euro). 29esima per tasso di disoccupazione tra i giovani 15-24 anni (29,4%), stessa posizione per il valore del Pil pro capite (26.141,2 euro).

Fanalino di coda in Liguria è Imperia, al 65esimo posto con 445 punti. Pur guadagnando una posizione rispetto all’anno scorso, la città ponentina resta nelle parti basse della classifica del Sole, registrando però alcune posizioni di spicco. È il caso del settimo posto per numero di imprese registrate ogni 100 abitanti (12) e del sesto posto per patrimonio immobiliare residenziale pro capite (83.626 euro). Ancora una volta, pesa l’area del tempo libero: è terza per numero di bar e ristoranti ogni 100 mila abitanti (1.042,5). Tra gli indici relativi al settore Servizi, si segnala il 19esimo posto per numero di sportelli, atm e Pos ogni mille abitanti (42,3). Posizioni basse invece per ciò che riguarda il livello di disoccupazione giovanile (60,9%, 60esimo posto), le startup innovative ogni mille imprese (0,1, 109esima posizione), il valore medio delle pensioni (744,4 euro, 70esimo posto).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.