Ancora una giornata di sciopero per i lavoratori della panificazione a sostegno del rinnovo del contratto di lavoro (scaduto da 22 mesi) e per la tutela del pane e delle farine italiane di qualità: dopo quella del 15 ottobre scorso, prosegue il 12 dicembre la protesta dei lavoratori dipendenti delle aziende che applicano il contratto di lavoro Federpanificatori e Fiesa: l’astensione dal lavoro, proclamata da Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil, sarà di 8 ore. 

È il lavoro a fare il buon pane e quindi, come tale, il lavoro va riconosciuto e rispettato. Gli 80 mila lavoratori del comparto attendono un rinnovo che sia dignitoso e in linea con i rinnovi recentemente sottoscritti nel settore alimentare. Gli accordi sul contratto con l’artigianato e Confcommercio ribadiscono il valore del contratto nazionale e riconoscono pienamente il secondo livello di contrattazione: non si comprende quindi la resistenza di Federpanificatori e Fiesa che non solo non vogliono riconoscere aumenti salariali, ma addirittura sponsorizzano l’utilizzo dei voucher.

La manifestazione per le regioni del nord si terrà a Milano nella “Casa del Pane” in corso Venezia 58.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.