Il bilancio 2016 della savonese Italiana Coke (gruppo Ascheri) chiude con ricavi per 86 milioni di euro con Ebitda positivo. I soci hanno approvato la perdita di 10 milioni, coperta da riserve pregresse, e causata principalmente dagli ammortamenti dovuti agli importanti investimenti per ambientalizzazione e manutenzione effettuati negli anni scorsi.

«Nonostante la crisi – dice l’amministratore delegato della società Paolo Cervetti – una situazione di mercato complessa e il naturale irrigidimento del sistema finanziario, Italiana Coke prosegue nel rilancio delle attività e nella ristrutturazione della filiera, nonché nei programmi di investimento previsti. L’azienda, prima e dopo l’omologa del 3 ottobre, ha assicurato la regolarità nei pagamenti di stipendi e fornitori, l’approvvigionamento continuo delle materie prime e il mantenimento dei volumi di vendita».

Cervetti ha inoltre informato che per razionalizzare la filiera e rafforzare il patrimonio di Funivie spa, altra società di cui è ad e facente parte del gruppo Ascheri, nell’esecuzione del piano di continuità, Italiana Coke trasferirà progressivamente le quote del terminal savonese Tafs a Funivie, consolidando ulteriormente il processo sinergico in corso, nell’attesa che alcuni segnali di ripresa del mercato diventino stabili.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.