Case d’aste: il mercato dell’arte è “british” ma i nuovi compratori parlano cinese (video)

Case d’aste: il mercato dell’arte è “british” ma i nuovi compratori parlano cinese (video)

New York e Londra, ma anche Hong Kong e Shanghai. Qui, nei centri nevralgici del mercato dell’arte internazionale, si tengono le aste più importanti e prestigiose. E proprio le città anglosassoni sono quelle a cui guardano con maggior interesse i nuovi e facoltosi compratori, in primis di nazionalità cinese. E l’Italia, come tutti gli altri Paesi europei al di fuori del Regno Unito, si limitano a raccogliere ed esportare le opere all’estero.
Un mercato su cui non si è riversato alcun effetto Trump: la settimana dell’arte a New York, che si è conclusa da pochi giorni, ha dimostrato ancora una volta che il mercato artistico è in grado di reggere, almeno nel breve periodo, le conseguenze di quello azionario. Ne parliamo con Marco Trevisan, partner di Christie’s, la casa d’aste più antica del mondo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here