Approvato oggi dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Urbanistica, Marco Scajola, l’intesa tra Regione Liguria e i ministeri dei Beni Culturali e dell’Ambiente per l’elaborazione del piano paesaggistico esteso a tutto il territorio regionale. La pianificazione congiunta tra Regione e Soprintendenza prevede che il provvedimento sia attuato entro la fine del 2018.

La Liguria fino a oggi non disponeva di un piano paesaggistico, pertanto si metterà in regola con le normative nazionali del codice dei Beni Culturali del Paesaggio. «Si tratta di un passaggio fondamentale compiuto oggi dalla giunta − spiega l’assessore Scajola − e di un lavoro importante e complesso che coinvolgerà l’ente nei prossimi anni e che garantirà una maggiore semplificazione per le amministrazioni locali e per i cittadini». Una volta approvato non sarà più necessario il parere vincolante della Soprintendenza per ogni richiesta di intervento, in presenza di un piano dettagliato che stabilisce regole da rispettare. Il piano paesaggistico andrà così a sostituire, l’attuale piano paesistico del 1991.

«Questo sarà lo strumento che disegna la Liguria del futuro. Sarà estremamente preciso e avrà una grande attenzione agli aspetti culturali, ambientali, agricoli, sociali ed economici», conclude Scajola.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.