La valorizzazione dei siti storici e culturali genovesi passa dal coinvolgimento di imprese creative e innovative, ma anche dei cittadini. È quanto prevede il progetto Forget Heritage, di cui il Comune di Genova è capofila tra dieci partner europei: oltre alla città della Lanterna, anche Regione Lombardia, Lubiana (Slovenia) con due partner, Varsavia e Bydgoszcz (Polonia), Norimberga (Germania), Rijeka (Croazia), Pécs (Ungheria), Usti Nad Labem (Repubblica Ceca).

Il titolo provocatorio (lett. “dimenticare il patrimonio”) si rifà agli studi di Rodney Hurrison e al conseguente dibattito, secondo i quali il numero di beni storico-artistici tutelati sta crescendo in maniera esponenziale tanto da renderne impossibile una gestione efficace: per questo è necessario un ripensamento della loro gestione per assicurarne la corretta conservazione e fruizione.

Selezionato tra 650 progetti nell’ambito del programma comunitario Central Europe, il progetto consentirà di valorizzare i beni culturali delle città sfruttando nuovi modelli di gestione innovativa e sostenibile attraverso l’insediamento di imprese culturali e creative e il coinvolgimento dei cittadini nella definizione del processo: «Si tratta di imprese le cui attività spaziano dalle arti visive all’architettura, dal design ai servizi digitali. E in più anche i cittadini potranno esprimere le loro proposte», spiega Carla Sibilla, assessore comunale al Turismo e Cultura.

L’industria creativa di Genova pesa per circa il 5,15% delle imprese cittadine e per il 5,23% per quanto riguarda gli addetti: «Si tratta di una fetta imprenditoriale che, come numeri, non pesa di certo come altri settori, quali quello portuale, ma che è comunque in espansione e va quindi sostenuta. Anche per questo i due assessorati hanno lavorato in modo congiunto per questo progetto», aggiunge Emanuele Piazza, assessore comunale allo Sviluppo economico. A livello nazionale, nonostante la crisi, il settore è riuscito a mantenere un trend piuttosto stabile, assestandosi intorno al 6,1% del Pil.

Forget Heritage, della durata di tre anni (terminerà a maggio 2019), mette a disposizione un budget di quasi 2,5 milioni di euro, di cui 401,5 mila destinati al capoluogo ligure. Nell’ambito di progetti europei destinati alla “creatività”, Genova è stata coinvolta in una serie di iniziative dal 2010 a oggi per un ammontare complessivo di 15 milioni di euro.

«Nella nostra città questo progetto interesserà soprattutto beni culturali del centro storico, per esempio la loggia di Banchi, e vedrà il coinvolgimento di molti soggetti genovesi», precisa Sibilla. Tra le azioni previste su Genova, la realizzazione di un manuale di gestione e suggerimenti alla legislazione e politiche locali e nazionali, la creazione di strumenti, come una app interattiva, per il coinvolgimento dei cittadini nel rilancio dei siti storici, la sperimentazione di un modello formativo per manager di siti culturali.

Scarica le slide del progetto

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.