Venerdì 8 luglio sciopero nazionale in Ericsson di tutti i lavoratori e per l’intera giornata proclamato da Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl a sostegno di una politica industriale che crei un futuro di stabilità occupazionale attraverso investimenti, contrasto delle delocalizzazioni, reinternazionalizzazione delle
attività e riconversioni professionali ove necessarie.

Le organizzazioni sindacali e i lavoratori chiedono all’azienda di farsi promotrice di iniziative che traguardino una occupazione stabile. La sede di Genova è tra le più colpite con 147 esuberi, concentrati nel cuore dell’azienda ossia ricerca e sviluppo. Per questi motivi la richiesta che parte dal capoluogo ligure è quella di sospendere le procedure che porteranno al licenziamento di tanti lavoratori, tra cui giovani ingegneri sui quali, a parole, Ericsson dice di voler investire.

Domani, in concomitanza con la manifestazione nazionale, si terrà ad Erzelli un presidio dei lavoratori Ericsson della sede genovese.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.