Brexit fa ancora paura, le Borse europee anche oggi hanno chiuso in forte calo. A subire meno danni è stata, come venerdì scorso, proprio la Borsa di Londra, che ha perso il 2,55% con l’indice Ftse 100 sceso a 5.982, Francoforte lascia il 3,02% con l’indice Dax a 9.268 punti, Parigi il 2,97% con il Cac 40 a 3.984 punti, Milano ha chiuso con Ftse Mib a 15.103,58 (-3,94) e Ftse Italia All-Share a 16.619,42 (-4,07). L’indice paneuropeo Stoxx Europe 600 segna un calo del 4,10%

Nelle Borse europee si sono difesi i titoli dei farmaceutici (-1,1% lo stoxx di settore) e delle utility (-1,2%), sono crollati i servizi finanziari (-8,5%), i titoli dei viaggi (-8,1%) e delle banche (-7,7%).

A Piazza Affari le vendite hanno colpito, ancora una volta, i titoli bancari. Dopo il calo del 12% di venerdì, il listino ha oggi iniziato segnando un rialzo dell’1% nella prima mezz’ora di contrattazioni, ma subito dopo è andato in negativo senza più riprendersi. Nel pomeriggio lo spread è tornato a salire e parecchie titoli bancari e finanziari sono stati sospesi per ribasso.

Monte Paschi perde il 13,34%, Intesa il 10,92%, Mediobanca il 12,77%, Unicredit l’8,09%. Bpm e’ sul 7,18%, Banco Popolare -6,20%, Ubi -6,35%.

Giù anche i finanziari, con Azimut-11,84%, Generali -8,47%, Unipol -10,22%.

Hanno tenuto i titoli energetici, con Enel -0,39%, Eni -0,08%, Snam -0,33%, Terna +0,09%.

In rialzo Recordati (+0,94%) e Campari (+0,06%).

Nell’industria Fca segna -6,22%, dopo che Goldman Sachs ha rimosso il titolo dalla conviction buy list. Secondo gli analisti americani, il pil europeo calerà nei prossimi tre anni, e a questo calo dovrebbe corrispondere uno scenario meno favorevole per i volumi di vendita delle auto sia in Gran Bretagna sia nell’Europa occidentale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.