Si sfideranno a colpi di bouquet, originalità, profumi e colori. Sono i fioristi provenienti da 23 Paesi europei che parteciperanno, da domani a domenica 10 aprile, a Genova, a Europa Cup 2016, la più importante competizione al mondo tra i professionisti del mestiere. Competizione che quest’anno si svolgerà per la prima volta in Italia dal 1956: sarà proprio la città della Lanterna a ospitare l’edizione dei 60 anni, ai Magazzini del Cotone, dove sono attesi oltre 10 mila visitatori. Un’occasione non solo per mettere in mostra le capacità tecniche e artistiche dei partecipanti, ma anche per sottolineare le “3 F” della Liguria, flowers, food and fashion: un evento collaterale, che si svolgerà nel corso della serata di gala in programma sabato 9 aprile, sarà una vera e propria passerella per le specialità liguri, non solo fiori ma anche cibo e moda. Tra i protagonisti dell’evento anche studenti e professori degli istituti Duchessa di Galliera e Marco Polo.

Nel corso della manifestazione, organizzata da Florint, Federazione internazionale fioristi europei, Federfiori confcommercio e Ascom Confcommercio Genova, con il patrocinio di Comune, Camera di Commercio, Regione Liguria e Città di Sanremo, i partecipanti si sfideranno su 10 mila metri quadrati di superficie tra sei diverse gare. Nella prima, la parata floreale di Sanremo, è fondamentale il contributo di Fiat 500 Club d’Italia, che metterà a disposizione le 500 d’epoca che saranno decorate dai fioristi. Seguiranno “Pasta, pesto e fiori”, “Matrimonio in Vespa”, “Piante e fashion”, “Amore e lussuria”, “Primavera a sorpresa”. Il vincitore sarà proclamato nuovo campione europeo la sera del 9 aprile.

Tanti anche gli eventi collaterali organizzati durante la kermesse: laboratori, dimostrazioni e curiosità animeranno gli spazi, in attesa di Euroflora.

Europa Cup sarà anche un modo per mettere in mostra le eccellenze floricole della regione, oltre a quelle italiane, e le aziende del settore. Un settore che ha risentito ancora nel 2015 della crisi (l’agricoltura ha chiuso l’anno con un calo del 3%) e che, come spiega Carlo Sprocatti, presidente Federfiori, «è decaduto negli ultimi tempi, ma esiste e questo va sottolineato. Nonostante il sistema necessiti di un riordino, questo settore e la sua professionalità vanno riconosciuti. Se tutto andrà come previsto, ci saranno anche dei politici che potranno rispondere a domande che noi come federazione abbiamo rivolto loro da tempo, in particolare sulla formazione professionale».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.