Si chiama “Port Community System” ed è il nuovo progetto lanciato dall’Autorità portuale di Savona. Si tratta di un portale multimediale per agevolare lo scambio di informazioni sulla logistica tra i diversi attori coinvolti nella catena della merce.

I suoi ideatori sperano, in questo modo, di velocizzarne lo scambio e snellire le pratiche burocratiche cartacee. Come? Sfruttando database in grado di immagazzinare i dati su terminal, compagnie di navigazione, agenti, spedizionieri, trasportatori, interporti, per poi riutilizzarli.

Sarà fondamentale, nello sviluppo del sistema, l’integrazione con lo sportello unico doganale e con quello marittimo, rispettivamente Aida di competenza dell’Agenzia delle dogane e il Pmis del comando generale delle Capitanerie di porto e i Tos dei diversi terminal.

«Il progetto Pcs Savona è un’infrastruttura calata nella realtà economica e sociale, che continuerà a evolversi per rispondere a esigenze normative e operative, così come avviene per i grandi porti del Nord Europa − commentato Gianluigi Miazza, presidente dell’autorità portuale di Savona − Solo così potremmo assicurare al porto di Savona-Vado Ligure performance concorrenziali e renderlo quindi capace di attrarre investimenti privati e volumi di traffico».

Alla presentazione ha partecipato anche Rossana Varna, responsabile del settore telematica dell’Autorità portuale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.